Kitsune, la leggenda della donna volpe

Mukashimukashi (C'era una volta) un giovane uomo di nome Ono. Un giorno egli incontrò una bellissima signora nei pressi di una vasta palude. Fu amore a prima vista per entrambi e ben presto divennero amanti. Un anno dopo decisero di sposarsi e iniziarono a vivere insieme felici e innamorati.

Kitsune 01


Dopo qualche anno la donna rimase incinta e diede alla luce un bellissimo bambino, proprio lo stesso giorno in cui anche il cane della coppia mise al mondo il suo cucciolo. Col trascorrere del tempo però iniziò ad accadere un fatto strano: ogni volta che la moglie di Ono tentava di avvicinarsi al cuccioloquesti iniziava ad abbaiare e a ringhiare furiosamente. La cosa non migliorò affatto con il crescere della bestiola e perciò la donna cominciò ad evitare il cane ed era sempre molto tesa quando lo sapeva nelle vicinanze.

Un giorno, nonostante le precauzioni prese, il cane aggredì violentemente la donna che cercò di fuggire dall'animale correndo disperatamente. Messa però alle strette in un angolo dovette svelare la sua vera natura e si trasformò in una volpe, in modo da spaventare il cane e farlo allontanare.
Quando si avvide che il marito aveva assistito alla scena, fu presa dal panico, scavalcò la recinzione e cercò di fuggire.

Kitsune 02


Mentre stava scappando, Ono la chiamò dicendole:

"Potrai anche essere una volpe, ma io ti amo ancora e il mio cuore sarà tuo per sempre. Io voglio continuare a vivere con te e ogni volta che vorrai tornare a casa, sarai sempre la benvenuta".


Quella notte la donna tornò a casa dal marito e dal figlio e così fece la notte seguente e quella dopo e quella dopo ancora e così per il resto dei suoi giorni. Dormiva serena fra le sue braccia e vissero così felici e contenti.

Da quel giorno in poi, la volpe è stata chiamata Kitsune, perché "Kitsu-ne" vuol dire arrivare e dormire, mentre "ki-Tsune" significa sempre.