Diario di viaggio 2: Estate Classic 2012

 

Questo è il resoconto dettagliato del secondo viaggio in Giappone organizzato da Animeclick.it. Ogni riferimento a cose, persone o fatti reali è decisamente voluto!

Venerdì 10 Agosto
Partenza da Roma Fiumicino con volo diretto Alitalia per Osaka.
Appuntamento alle 11:00 al gate di partenza. Si arriva alla spicciolata, prima i romani, poi i campani, per ultimi i settentrionali suddivisi in lombardi, emiliani, veneti e liguri. Il gruppone che si forma è molto variegato sia per provenienza che per età (andiamo da un minimo di 17 anni fino ad una massimo di 49) ma una cosa ci accomuna: per tutti è la prima volta in Giappone, quindi siamo tutti eccitatissimi! Il nostro accompagnatore avrà il suo bel daffare a tenerci in riga!

cane ninja



Sabato 11 Agosto
Arrivo all'aeroporto internazionale di Osaka. Le 12 ore di volo in qualche modo sono trascorse. Atterriamo e due sono le cose che ci colpiscono immediatamente: il caldo, sottoforma di una cappa umida e rovente, e il silenzio che ci accompagna in aeroporto mentre sbrighiamo le formalità burocratiche e recuperiamo i bagagli. I giapponesi parlano poco e quando lo fanno è sempre sottovoce. Noi ovviamente ci distingueremo ovunque per il casino cronico che faremo soprattutto sui mezzi di trasporto. Ottenuto il Japan rail pass, fedele compagno di viaggio, prendiamo il treno alla volta di Kyoto. Dopo esserci piazzati in camera e aver finalmente lasciato le valigie partiamo alla volta del nostro primo tempio: il Kiyomizudera famoso per la sua grande terrazza in legno e per la caratteristica pietra dell'amore. Prima però tutti al negozio a fianco all'albergo per comprare... ombrelli in grande quantità! Ebbene sì piove! E purtroppo ci trascineremo pioggia e tempo nuvoloso per circa metà del viaggio... saremo mica discendenti del ragionier Fantozzi? Comunque nonostante tutto, la pioggia, fina per fortuna, il frinire delle cicale e una leggera nebbiolina contribuiscono a immergere tutta la struttura del tempio in un'atmosfera magica e suggestiva. Mi sono quasi commossa! Poi alcuni di noi particolarmente sprezzanti del pericolo hanno sfidato gli dei e hanno affrontato il percorso fra le due Pietre Sacre dell'amore. In due parole, se si riesce a percorrere ad occhi chiusi i circa 10 metri che separano le due rocce se si è single si troverà l'amore oppure se si è in coppia si vivrà insieme a lungo felici e contenti. Per chi non vuole rischiare è previsto farsi aiutare dai presenti, però in questo modo anche per trovare l'amore si avrà bisogno dell'aiuto degli altri.
Mentre faceva buio, abbiamo fatto un giro nel quartiere di Gion, dove siamo riusciti a vedere una geisha! Purtroppo il tempo di infilare le mani in borse e marsupi per tirare fuori le macchine fotografiche ed era già sparita, svanita con la grazia e la leggerezza di una farfalla. Infine abbiamo chiuso la serata con la nostra prima cena nel quartiere di Pontocho, in un localino tutto in legno seduti in terra. La prima impressione sulla cucina giapponese è stata, per quanto mi riguarda, molto favorevole: mangiato benissimo e in grande quantità!


2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it
2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it



Domenica 12 Agosto
Giornata molto pesante ma proficua...e soprattutto rovente.... mamma che caldo! Abbiamo passato tutta la giornata ad Osaka: abbiamo visitato l'acquario, molto bello, soprattutto la mega colonna centrale con squali, mante e chi più ne ha più ne metta.
Poi siamo andati a pranzo e abbiamo assaggiato uno dei piatti tipici di Osaka, l'okonomyaki.... BUONISSIMO! Quindi siamo saliti sull'Umeda sky building, 137m d'altezza e ci siamo goduti una vista di Osaka da mozzare il fiato... le foto non possono rendere giustizia al panorama che si stendeva ai nostri piedi. Una volta scesi, siamo andati a rilassarci al centro commerciale Yodobashi e poi al primo dei numerosi Mandarake che visiteremo nel corso del viaggio e ovviamente i primi yen fuoriescono dai nostri portafogli. Quindi ci siamo trasferiti a Dotonbori per la cena a base di un altro piatto tipico della città: i takoyaki: buonissimi pure quelli... Il quartiere è esattamente quello che ci si aspetta da una grande metropoli: palazzi che svettano verso il cielo ricoperti di luci al neon, insegne colorate, strade stracolme di persone e rumore. Infine shinkansen e diritti in albergo. Che stanchezza però ne valeva la pena.

2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it



Lunedì 13 Agosto
La giornata è interamente dedicata alla visita dei templi di Kyoto. Abbiamo iniziato con il Kinkakuji e il suo caratteristico Padiglione d'oro, purtroppo sotto la pioggia, che per fortuna nel giro di un'oretta ci ha lasciato facendo posto ad un timido sole e a una tremenda umidità... anche oggi il caldo e' davvero tanto... e molti di noi si sono anche scottati! Poi abbiamo proseguito per il Ryoan-ji famoso per il suo giardino Zen, tutto di pietra. Si dice che mettendosi al centro di esso non è possibile contare tutte le pietre poste al suo interno, a meno che non si raggiunga l'illuminazione. Il tempio è inoltre circondato da un parco stupendo, con un laghetto ricoperto di fiori di loto. Quindi sosta al Ninna-ji formato da un insieme di costruzioni di legno, tutte da percorrere scalzi...sembrava di stare per davvero nel Giappone medioevale, mi aspettavo di vedere da un momento all'altro una geisha o un samurai....Dopo pranzo siamo andati al Tenryu-ji anche questo immerso in un giardino enorme.
Per chiudere in bellezza con un ultimo sforzo siamo arrivati al tempio Inari, famoso per il caratteristico colore rosso-arancione delle sue strutture e per la passeggiata sotto migliaia di torii rossi, che altro non sono che una sorta di lapidi, su cui viene inciso il nome della famiglia. L'atmosfera è veramente magica, intorno c'è una vera foresta e si è circondati dall'onnipresente frinire delle cicale e dal gracchiare dei corvi. Qualcuno si è anche accorto della presenza di giganteschi ragni e questo ha, come dire, rovinato un po' l'atmosfera ad alcuni di noi.

2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it
2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it



Martedì 14 Agosto
Giornata lunga, bella, strana e straziante. Sveglia alle 5:30, partenza alle 6:30 destinazione Hiroshima, accompagnati da un temporale con tuoni e fulmini e da una pioggia molto intensa che ci ha accolti anche a destinazione. Così putroppo la visita del memoriale della pace con relativi giardini e monumenti è stata per forza di cose molto veloce, ma non per questo meno suggestiva...vedere le rovine del palazzo centrato quasi in pieno dalla bomba fa venire un nodo in gola... mi sono dovuta veramente trattenere per non scoppiare a piangere, così come durante la visita al museo terminata la quale prima con tram, poi con il treno e infine con il traghetto abbiamo raggiunto l'isola di Miyajima, sempre accompagnati da nuvoloni grigi che però non hanno più scaricato acqua. L'isola è davvero incantevole con il santuario di Itsukushima, simbolo del Giappone, molto grande e davvero molto bello, tutto sui toni dell'arancio e ci sono mille negozietti di souvenir, dove ovviamente tutti hanno lasciato il loro tributo. Il torii si è lentamente inabissato nelle acque mentre eravamo lì, i cervi sono davvero dappertutto, anche all'ingresso dei negozi e si avvicinano basta avere qualcosa in mano, anche se non è cibo. Dal punto di vista culinario io personalmente ho provato nell'ordine: ramen con udon, fette di carne, ostriche(!) e bamboo, poi nikuman (una specie di panino cotto al vapore con farcitura di carne di manzo e verdure) ed infine cotoletta fritta con riso in un bento... indovinate un po'? Tutto buonissimo!

2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it



Mercoledì 15 Agosto
Sveglia alle 5:30, partenza alle 6:30 per visitare la città di Kanazawa. Appena arrivati siamo andati a visitare il tempio dei Ninja, chiamato così perchè è pieno di trappole, stanze segrete, vie di fuga nascoste. È un vero peccato che non si possano fare foto perchè è tutto di legno ed è veramente suggestivo da visitare, così come il quartiere successivo, in cui le case sono anch'esse tutte di legno ad un piano, con le porte scorrevoli e tutta l'architettura che ben conosciamo. Per ultimo abbiamo passeggiato nei giardini intorno al castello di Kanazawa, veramente belli e rilassanti, con un'immersione nella natura che ci ha ritemprati. Poi rientro in treno, preso al volo giusto per finire di massacrare i nostri poveri muscoli messi a dura prova da giorni e giorni di estenuanti camminate.
Ma la parte migliore della giornata per uno sparuto gruppetto di noi è stato il pranzo: seguendo il nostro instancabile accompagnatore alla ricerca di un localino, ci siamo imbattutti in un tipico mini ristorante a conduzione ultra familiare, praticamente abbiamo mangiato nel retro di un'abiatzione su un tavolino da campeggio, con sedie e stoviglie spaiate e alle nostre spalle una specie di altarino con due teschi! Un po' preoccupati abbiamo ordinato degli yakisoba con carne e verdure accompagnati da bicchieri di the verde (che a me ha ricordato del caffè annacquato, che però si accompagnava bene con il piatto). Risultato? Ovvio! Abbiamo mangiato benissimo! Spendendo niente e avendo anche in omaggio una grattachecca con sciroppo di ciliegia gentilmente offerto dal proprietario!

2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it



Giovedì 16 Agosto
Dopo una sana dormita per riprenderci dalle giornate molto intense nel Kansai abbiamo preso il treno e ci siamo trasferiti a Tokyo e sistemati in hotel. Da molte delle nostre camere si può ammirare in tutto il suo splendore la Tokyo tower. Appena siamo stati pronti siamo andati sull'isola di Odaiba. La vista dello skyline di Tokyo da Odaiba è semplicemente fantastica. Mi sono emozionata tantissimo a vedere il Rainbow bridge e i palazzi e la ruota panoramica... ho finalmente realizzato che il sogno di tutti noi si stava avverando. Dopo aver fatto il doveroso omaggio alla statua del Gundam, magnifica nella sua scala 1:1 ci siamo diretti alle terme Oedo Onsen Monogatari. Tutti in yukata a gironzolare a piedi nudi per ristoranti, negozi di souvenir e terme....ci si sente un po' giapponesi antichi anche noi. La metropolitana di Tokyo sembra meno difficile del previsto, certo è che bisogna avere ben chiaro in mente da dove si parte e dove si vuole arrivare e stare attenti ai numeri e ai colori delle linee, però pensavo peggio. L'unica nota dolente della giornata che ci ha fatto stare un po' in ansia è stato lo smarrimento di una componente del gruppo, che vistosi lasciata sola non si è persa d'animo e ha visitato il quartiere intorno all'albergo e poi ha aspettato il nostro ritorno in camera. Quest'esperienza ci ha resi più attenti e il passatempo preferito è diventato la conta del gruppone!

2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it



Venerdì 17 Agosto
La giornata è iniziata con il Museo della Spada, interessante ma purtroppo non si potevano fare foto, quindi ci siamo spostati allo Yoyogi park dove immerso in un'autentica foresta verde si trova il tempio di Meiji-Jinku, molto bello e rilassante; ho anche fatto un'offerta al tempio, mettendola in una busta insieme ad una preghiera e ad un ringraziamento agli dei per aver fatto avverare questo sogno. Quindi dal sacro siamo passati al profano più sfrenato: ci siamo immersi in Takeshita dori ad Harajuku, dove in poco più di 100 metri ci sono tantissimi negozietti davanti ad ognuno dei quali c'è qualcuno che grida per attrarre la clientela: mai sentito tanto rumore tutto assieme! Comunqe non mi sono lasciata distrarre e ho portato a termine LA missione di questo viaggio: mi sono comprata il tanto sospirato yukata insieme ovviamente ad un obi coordinato. Il problema sarà capire come si indossa correttamente visto che le istruzioni hanno sì le immagini esplicative ma sono comunque in giapponese! Infine serata a Shibuya: usciti dalla Hachiko station ci si è parato davanti uno spettacolo senza precedenti: il mitico incrocio strapieno di gente, luci, suoni, colori... è stato davvero difficile non perdersi, ma ce l'abbiamo fatta!

2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it



Sabato18 Agosto
Stamattina siamo andati ad Asakusa a vedere il tempio Senso-ji, veramente stupendo peccato che per la maggior parte del tempo sia piovuto, un vero e proprio temporale! Le finanze di tutto il gruppo sono state messe a dura prova dalla via che porta al tempio, stracolma di negozietti di souvenir in cui tutti hanno lasciato parecchi yen.
Poi siamo andati ad Akihabara, un vero paradiso! Ogni metro quadro è coperto da disegni delle più svariate serie e il rumore è continuo e in alcuni punti assordante; ce n'è davvero per tutti i gusti ma la cosa che più mi ha stupito è stato trovare accostati generi all'opposto, spesso a fianco ad action figure di serie tipo Madoka o K-on! si trova l'hentai più spudorato....e nessuno sembra farci caso...ci sono poi piani dedicati solo a quello o solo allo yaoi. Infine cena a Shinjuku, sempre corredata dagli immancabili grattacieli strapieni di luci e colori.
A fine serata uno sparuto gruppo di coraggiosi, accompagnati da Hatsune Miku, è andato al karaoke dove si è messo a cantare musiche degli anime rigorosamente in giapponese.

2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it



Domenica 19 Agosto
Mattinata dedicata al Museo Ghibli: veramente molto molto bello! L'unico difetto che ha è quello di non poter fare le foto. Ci sono diverse stanze con i bozzetti, gli acquarelli e gli storyboard dei vari film, poi c'è un minicinema dove proiettano corti in esclusiva, un magnifico negozio di souvenir (dove in molti hanno lasciato il sacrosanto obolo) e il biglietto d'ingresso è fatto da un pezzo di pellicola di uno dei film diretti dal maestro, quindi si è scatenata la gara a capire quale film fosse capitato ad ognuno di noi. Qualcuno non l'ha capito ancora adesso... Invece all'aperto le foto si possono fare quindi d'obbligo quella con Totoro! Finito qui siamo andati a Nakano dove c'è un centro commerciale enorme con un Mandarake altrettanto grande e dove ci hanno raggiunti due veterani del Giappone, il sensei di giapponese del nostro accompagnatore e la sua compagna. Entrambi sono stati prodighi di consigli su come muoversi e su cosa vedere nei giorni liberi.
Prima della nanna alcuni di noi sono saliti sulla Tokyo tower: lo spettacolo lascia senza fiato, la prima cosa che mi ha ricordato è stata Blade runner, il punto che mi è piaciuto di più è stato quello da dove si vede il Rainbow bridge e alle spalle la ruota panoramica di Odaiba, ad un certo punto in lontananza si sono visti anche dei fuochi d'artificio! Però consiglio per tutti quelli che ci vogliono andare: fermatevi al piano sotto all'osservatorio vero e proprio; la differenza d'altezza è minima però c'è molta meno gente e quindi non si deve "litigare" per avere un rettangolo di finestra per sè, poi c'è anche un romantico caffè pieno di giovani coppie innamorate che fanno tanta tenerezza.

2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it



Lunedì 20 Agosto
Stamattina dopo un viaggio in treno di circa un'ora siamo arrivati a Kamakura per ammirare il maestoso Buddha che è sopravvissuto a bombardamenti e alluvioni e per questo è diventato il simbolo della tenacia di questo popolo. Poi con un mini trenino che passa attraverso le case quasi sfiorandole siamo sbarcati sull'isola di Enoshima. Qui i turisti stranieri sono rarissimi e si respira un'aria molto rilassata, proprio da gente in vacanza! Affrontando una leggera salita si arriva ad un piccolo tempio, con una statua del Buddha e volendo a piedi o pagando con le scale mobili si può arrivare fino al faro in cima all'isola. Dopo esserci rilassati e aver passeggiato un po' siamo tornati a Tokyo per ammirare la nuova torre Akasaka Sky Tree veramente imponente, ma la troppa gente in fila per salire ha scoraggiato parecchi di noi e solo un gruppetto si è fermato per ammirare il panorama. Ah, per la cronaca qui ogni tanto la terra trema, proprio oggi ha dato una bella scossetta... non è proprio piacevole...

2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it
tsuritama enoshima



Martedì 21 Agosto
Resoconto della penultima giornata in cui siamo stati lasciati liberi di andare dove volevamo. Così si sono formati piccoli gruppetti per andare a rivedere mete che ci avevano particolarmente colpito; molto quotati i quartieri di Akihabara, Shibuya e Harajuku.
Il mio gruppetto in particolare è andato in pellegrinaggio alla sede della Shueisha, ma qui cortesemente ma fermamente è stato fermato nella hall, poichè senza appuntamento non è possibile visitare la redazione. Per consolarsi ha puntato quindi al Jump store che si trova proprio di fronte al Tokyo dome. Quindi tornati a Shibuya abbiamo fatto un giro per negozi e abbiamo pranzato in un fast food giapponese, che consiste nel dare un'occhiata al menu' fuori, quindi entrare, scegliere il piatto su un menu' elettronico, pagare e ritirare un biglietto, sedersi al bancone e aspettare di essere serviti. Nel caso specifico una delle portate era composta da una ciotola di riso con sopra delle fettine sottili di maiale molto ben cotte e saporite, una ciotola di zuppa di miso con pzzi di daikon, verdura, carne e tofu e un piccolissimo piattino di insalata e cetriolo giusto per rinfrescarsi la bocca. Per il tempo di un pasto ci siamo sentiti meno turisti e più viaggiatori e in piccolissima parte cittadini di Tokyo. Nel pomeriggio giro per Shimo-kitazawa e Kawasaki, quartieri pochissimo turistici ma ideali per passeggiare in mezzo ai negozi, scoprire angoli nuovi e sentirsi un po' a casa.

2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it 2° viaggio in Giappone AnimeClick.it



Mercoledì 22 Agosto
Secondo giorno libero a Tokyo. Una parte del gruppo ha visitato il parco Ueno, molto bello, disseminato di piccoli templi e ciliegi. All'improvviso ci è comparso davanti agli occhi un laghetto interamente ricoperto di fiori di loto, un vero spettacolo!! Quindi siamo tornati ad Akihabara per un'ultima immersione nel mondo degli anime. Dopo pranzo un giro ad Harajuku e poi Ikebukuro per l'ultimo shopping e un po' di sano cazzeggio insieme ai giapponesi.
L'ultimo brivido serale ce lo ha riservato un incontro ravvicinato con due yakuza, entrati nel locale dove stavamo cenando per il terrore dei camerieri che hanno cominciato a tremare. Dopo averci guardato comunque ci hanno ignorato e noi abbiamo fatto altrettanto anche se per la verità ci siamo comunque affrttati a levare le tende. Non contenti abbiamo cercato altri brividi andando a vedere Kabuki-cho, la via a luci rosse di Tokyo. Strada molto animata e qualche buttadentro che ha cercava di convincerci ad entrare nei localini equivoci, ma i nostri eroi, scortati dal capogruppo, ne sono usciti sani e salvi. Alla fine però anche le strade malfamate di Tokyo sono una barzelletta rispetto al degrado di certe città italiche.
Alla fine tutti a giocare a tetris con il contenuto delle valigie e a fare l'indovina quanto pesa con i bagagli.

Giovedì 23 Agosto
Purtroppo la vacanza è finita. Mogi e tristi siamo saliti sul limousine-bus per il trasferimento all'aeroporto internazionale di Narita. La sensazione comune a tutti è stata quella di lasciare un pezzo di cuore in questo magnifico paese e di non essere stati dall'altra parte del mondo ma semplicemente in un altro luogo che si può chiamare casa.


Impressioni personali sul Giappone e i suoi abitanti
Qualcuno, arrivata in Italia, mi ha chiesto "Ma poi quindi il Giappone è proprio come lo vediamo negli anime?". La mia risposta è sì. Ho trovato questo paese esattamente come l'avevo immaginato. Ciò non toglie che parecchie cose mi abbiano colpito.

  • Il caldo. Per quanto me l'avessero detto non avrei mai creduto che facesse così caldo. Sembra di muoversi dentro ad un forno, l'aria condizionata è indispensabile alla sopravvivenza.

 

  • Il rumore. In Giappone il silenzio non esiste o quasi. Tutto vi parla: i semafori, i treni, la metro, gli ascensori, i commessi dei negozi. Anche quando sarete immersi nella natura, lontano chilometri dal centro città, sarete circondati dal frinire delle cicale e dal gracchiare dei corvi.

 

  • Il cibo. Non avevo mai assaggiato la cucina giapponese e durante questo viaggio ho cercato di provare quanti più piatti possibili e non ho trovato una sola cosa che non mi sia piaciuta! Era tutto buonissimo! Ho trovato perfino una ragione d'essere nel thè verde, che ha fatto schifo praticamente a tutti.

 

  • La spazzatura. Non esistono cestini per buttare i rifiuti. Qualunque cosa si riporta a casa. Al massimo si possono trovare quelli per bottiglie e lattine. Eppure le strade sono pulitissime.

 

  • I distributori automatici di bevande. Quelli invece sono onnipresenti, ogni 100 metri se ne trova uno, contenente dall'acqua al Coca alla Fanta alle bevande più improbabili. Alcuni di noi, molto coraggiosi, hanno voluto provare il maggior numero di bevande possibili, con alterne fortune.

 

  • I Giapponesi. Se è pur vero che non sono molto espansivi, sono sicuramente cordiali, educati e disponibili. Anche se magari non parlano inglese cercheranno comunque di farsi capire entrando in profonda crisi se non potranno soddisfare le vostre richieste. Dormono ovunque con una fiducia nel prossimo che a volte lascia piacevolmente sorpresi. Parlano poco e a bassissima voce, soprattutto sui mezzi pubblici, dove ovviamente gli unici che facevano casino eravamo noi!

 

  • Le zanzare. Sono fameliche, hanno banchettato sui nostri poveri polpacci più e più volte e siamo sicuri che appartengano alla stirpe dei Ninja perchè colpiscono senza pietà ma senza farsi vedere.

 

Patrizia