Alla scoperta di Hakone! (parte 1)

 

Hakone (箱根町 Hakone-machi, lett. "città di Hakone") è un'importante zona termale del Kantō che prende il nome dall'omonimo monte Hakone (箱根山 Hakone-san, lett. "montagna di Hakone") sul quale si affaccia. L'area, che comprende anche il lago di Ashi (芦ノ湖 Ashinoko, lett. "lago di Ashi") si estende sul fianco della montagna ed è caratterizzata da una specie di percorso turistico ad "anello" che parte dalla stazione ferroviara di Hakone-Yumoto. Da qui si possono prendere una serie di diversi mezzi pubblici (autobus, traghetto, funivie e "cable car") che vi porteranno attraverso microscopici paesini, musei vari, agglomerati di case e negozietti e tanti, tanti alberghi con fantastici impianti termali privati.

Qui potete vedere il percorso completo:

hakone mappa anello

Andiamo ad analizzarlo nel dettaglio, descrivendo il giro in senso orario con partenza da Hakone-Yumoto.

Hakone-Yumoto è la stazione ferroviaria principale, alla quale si può arrivare direttamente in circa 70 minuti dalla stagione di Shinjuku (Tokyo) tramite le linee Hakone Tozan Line e Odakyu Line che passano anche per Odawara.

Attorno ad Hakone-Yumoto ci sono numerose case e qualche ristorantino. Anche se forse un po' fuori luogo in un posto del genere, nell'edificio della stazione c'è un piccolo Evangelion Store, chiaramente non fornito come quello principale di Tokyo ma comunque simpatico. A volte questo tipo di negozi sono solo temporanei, quindi potreste non trovarlo più (ultimo avvistamento accertato: agosto 2014).

In stazione si può prendere il treno locale per Gōra, ma personalmente consiglio di uscire dalla stazione, raggiungere il terminal dei pullman (pochi metri a sinistra dall'uscita della stazione) e prendere un autobus che porti direttamente al lago Ashi (fermata Moto-Hakone, bus stop #2, linee H o R), in modo da sfruttare la vista panoramica e più avanti farsi la funivia in salita.

Invece girando a destra, sempre sul lato della strada opposto alla stazione, si incontrano case e palazzi. Superati un po' di negozi vari, in una delle prime viette perpendicolari sulla sinistra potete trovare un piccolissimo ristorantino di Yakiniku (carne di manzo, pollo e maiale alla griglia) non molto caro. Vi consiglio di assaggiare le fettine di lingua di manzo :P

Proprio di fronte alla stazione c'è un piccolo ufficio informazioni con a fianco un Police Box; dietro all'ufficio si arriva a un bel ponticello che passa sopra un fiume. Affascinante di notte perché il ponte viene illuminato dalle lanterne con un risultato molto caratteristico.

hakone fiume hakone yumoto

Una volta preso l'autobus si scende a Moto-Hakone, dove c'è uno dei due porti su quella riva del lago (il secondo è poco più avanti, ad Hakone-Machi).

A sinistra del porto c'è una piccola penisola al cui interno si trova l'Onshi Hakone Park, che è leggermente rialzato rispetto alla riva e gode di un'ottima vista sul lago e, se si è fortunati, sul monte Fuji. Questo parco faceva parte dell'adiacente residenza estiva della famiglia imperiale, ora visitabile gratuitamente.

Andando invece a destra del porto, camminando per una decina di minuti sulle rive del lago di Ashi, si può raggiungere l'Hakone Jinja, un grazioso santuario shintoista immerso nella foresta; dirigendosi verso il lago si vedrà un caratteristico torii rosso immerso nell'acqua vicino a riva. Chi avesse voglia potrebbe proseguire e raggiungere a piedi l'altro lato del lago (tempo: massimo 2 ore) e sul proprio cammino incontrerà l'Hakone-en Aquarium [http://www.princehotels.co.jp/amuse/hakone-en/suizokukan/], un grosso acquario con alcuni pesci d'acqua salata ma soprattutto dolce, anche molto rari; oppure si può tornare al porto e prendere il super kitsch "galeone dei pirati" per attraversare tutto il lago.

hakone lago ashinoko

In entrambi i casi, a piedi o col "galeone", si arriva al molo Togendai-ko, dove si trova un hotel, un ristorante e la partenza della funivia.

Prendiamo a questo punto la funivia, al primo cambio arriviamo a quello che sicuramente è il posto più particolare di Hakone: la Owakudani Valley. Oltre agli immancabili negozi di souvenir, nonché di un ristorante molto turistico e molto caro, essendo l'unico dell'area, in questa parte di Hakone si può camminare fino a una vasta zona dove l'acqua bollente sgorga direttamente dal suolo. Siamo infatti sopra una zona vulcanica attiva, ma non vi preoccupate, il Monte Hakone non erutta da 3000 anni! Proprio 3000 anni fa si formò questa zona, caratterizzata da vari fenomeni vulcanici, vapori sulfurei e sorgenti d'acqua calda, e per questo soprannominata "la grande valle bollente". Ed è una zona talmente ricca di zolfo che l'acqua stessa è sulfurea. Ciò spiega il perché il prodotto tipico sia il kuro tamago, l'uovo nero: la gente del posto lascia bollire le uova dentro l'acqua sulfurea, che per le sue capacità chimiche colora le uova di nero (ma solo il guscio esterno). Ovviamente nel modo più casuale possibile è nata la leggenda che mangiando una di queste uova si guadagnino ben 7 anni di vita, di conseguenza è nato un fiorente commercio di cibo a base di uova nere: dalle classiche uova bollite fino ad arrivare addirittura al gelato a base di uovo nero!

kuro tamago   gelato uovo nero

Siamo sulla cima del promontorio, quindi per scendere bisogna prendere un'altra funivia che passa sopra una cava, ovviamente di zolfo. Il paesaggio è sicuramente molto suggestivo:

Hakone funivia

Scesi dalla funivia, giungiamo quindi a Sounzan, dove... be'... dove non c'è niente! E' semplicemente una stazione di collegamento tra la funivia di Owakudani e la cable car che porta fino a Gōra. La cable car è molto particolare, fondamentalmente una via di mezzo tra un tram e una funivia, ed è anche parecchio scomoda, soprattutto perché è stretta e, in alta stagione, piena zeppa di gente! Ma dato che l'alternativa è farsela a piedi, facciamo la fila per entrare, tanto il viaggio dura solo 10 minuti.

La quinta e ultima fermata è appunto Gōra, dove ci attende la fermata del bus. Sul luogo c'è poco da dire: un paesello dove sono quasi più gli alberghi termali che le abitazioni. L'unica attrazione del luogo è il Gōra-Koen (il parco di Gora), una specie di giardino/orto botanico dal biglietto d'ingresso non molto economico, consigliato in particolare agli appassionati di botanica.

Proprio fuori dalla stazione di Gōra c'è una fermata degli autobus dalla quale partono diverse linee. Se siete interessati, da questo link [http://www.hakone-tozanbus.co.jp/english/pdf/access.pdf] potete scaricare l'incomprensibile mappa degli autobus. Facendo qualche cambio si possono raggiungere la miriade di musei d'arte sparsi per la zona. Il più bello è senza dubbio l'Open Air Museum (Chokoku-no-mori), un museo d'arte moderna quasi completamente all'aperto, dentro al quale si possono ammirare più di 100 diverse sculture anche di artisti molto famosi quasi Miro, Moore e Bourdelle, sparse in giro in un parco di più di 70.000 metri quadrati. Nella sezione al chiuso invece sono esposte tra le altre cose anche 300 opere di Picasso e altri autori tra i quali anche alcuni italiani come Rosso, Brancuni e Giaocometti. Il biglietto di ingresso non è eccessivamente caro (1600 yen) e per gli appasionati d'arte moderna ne vale sicuramente la pena. Se invece stampate e mostrate questo biglietto http://www.hakone-oam.or.jp/corefiles/ticket_en.html avrete uno sconto di ben 100 yen :-)

hoam 1   hoam 2

hoam 3   hoam 4

Altri musei degni di nota sono il MOA (Museum of Art) [http://www.moaart.or.jp/en/] e il Narukama Museum [http://www.narukawamuseum.co.jp/en/]. Il primo si trova a 10 minuti a piedi dalla stazione di Gora, il secondo invece è a pochi passi dal molo di Moto-Hakone.

Tramite i vari aubous si possono quindi raggiungere tutte le attrazioni turistiche e gli impianti termali.

Infine, per tornare all'inizio del percorso ad anello si può prendere sia l'autobus che il treno locale che fa avanti e indietro tra Gōra e Hakone-Yumoto.

Come potete capire, è difficile stimare quanto tempo trascorrere ad Hakone. Ci si potrebbe rimanere una settimana intera e non riuscire a vedere tutto quello che c'è (in un'altra pagina stileremo un elenco completo di tutte i luoghi di interesse) oppure passare una giornata di relax in un impianto termale, o passare un weekend girando tra le attrazioni più interessanti di giorno e rilassandosi nell'acqua bollente di sera. Insomma tutto sta ai vostri interessi e priorità.

Un'opzione particolare, se la vostra vacanza in Giappone non è molto lunga, è quella di partire la mattina presto da Shinjuku, arrivare ad Hakone, fare il "giro ad anello" scegliendo un solo luogo di interesse "irrinunciabile" per i vostri gusti, e poi passare il pomeriggio nella vicina Odawara, di cui scriveremo presto in un'altra pagina.

hakone mapcerchi